News

Albania, il primo ministro Rama annuncia il decreto sulla sospensione del pagamento dell’affitto

Il primo ministro Edi Rama ha annunciato che saranno temporaneamente sospesi i pagamenti degli affitti per le piccole imprese, gli studenti e le famiglie che a causa di coronavirus hanno smesso di lavorare.

Questa misura di sostegno si applica anche a tutti gli studenti che, a causa di COVID-19, sono stati costretti a lasciare le loro case in affitto e tornare alle loro famiglie o che hanno perso il lavoro e non hanno altre entrate.

ATTO NORMATIVO

ATTO NORMATIVO Nr. 12, datato 2.4.2020 PER UN’AGGIUNTA ALL’ATTO NORMALE N. 3, DATA 15.3.2020, DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, “ADOTTANDO MISURE SPECIALI AMMINISTRATIVO DURANTE IL PERIODO DI INFEZIONE CAUSATO DA COVID-19 “, CAMBIATO

Ai sensi dell’articolo 101 della Costituzione, su proposta del Ministro della sanità e Protezione sociale e il ministro degli interni, il Consiglio dei ministri DECISO: Articolo 1 A seguito del punto 19, articolo 3, dell’atto normativo n. 3, del 15.3.2020, del Consiglio dei ministri, modificato, viene aggiunto il punto 20, con il seguente contenuto: “20. Tutti i singoli inquilini, che hanno un contratto di locazione o qualsiasi documento che certifica il rapporto contrattuale locatore-inquilino, prima dell’annuncio di situazione epidemica, che ha un contratto di lavoro ma lo sospende/risolve a causa di condizione causata da COVID-19, non pagherà l’affitto per due mesi, aprile e maggio 2020. Tutti gli inquilini, studenti, che hanno un contratto di locazione o qualsiasi documento altro che certifica il rapporto contrattuale locatore-inquilino prima della dichiarazione della condizione epidemia, non pagherà l’affitto per due mesi, aprile e maggio 2020. Tutti gli inquilini, persone fisiche/giuridiche, con un reddito fino a 14 milioni (quattordici milioni) di lek all’anno, che hanno un contratto di locazione notarile per lo sviluppo della loro attività economica, firmata prima dello scoppio dell’epidemia, e hanno dovuto interrompere l’attività a causa della condizione causata da COVID-19, non pagheranno l’affitto per due mesi, aprile e maggio 2020. L’arretrato di questi due mesi sarà pagato dal conduttore, in ordine proporzionato e concordato con il proprietario dopo maggio 2020. Per i contratti che scadono prima del 31 maggio 2020, gli arretrati saranno a carico dell’inquilino entro tre mesi dal 31 maggio 2020. Tutti gli inquilini designati che hanno di conseguenza un reclamo dal proprietario l’inosservanza degli obblighi di cui sopra è indirizzata alla direzione generale delle Tasse attraverso la comunicazione elettronica. I proprietari che non rispettano questa disposizione saranno puniti con una sanzione fino a cinque volte l’affitto mensile corrispondente. La direzione generale delle imposte è incaricata di seguire e attuare le disposizioni di a questo punto e l’emissione delle relative istruzioni. Articolo 2 Entrata in vigore Questo atto normativo entra in vigore immediatamente ed è pubblicato nella Gazzetta ufficiale. PRIMO MINISTRO Edi Rama

 

Vuoi chiederci qualcosa?

SIAMO ONLINE